Tipologie di esche artificiali e loro recupero in acque interne

Tipologie di esche artificiali e loro recupero in acque interne

Abbiamo parlato delle esche in ambiente marino in questo articolo, parliamo ora degli artificiali che si usano prevalentemente in acqua dolce.

Diciamo innanzitutto che alcune tipologie di esche artificiali come i minnow, i jerkbait, i lipless, i popper e i siliconici sono utilizzabili anche in acqua dolce, magari con colorazioni adatte allo spot di pesca.

Ma gli artificiali che si usano prevalentemente in acqua dolce difficilmente funzionano in ambiente marino, sto parlando di esche come spinnerbait, chatterbait, rubber jig, wirebait.

Vediamoli nel dettaglio quali sono le varie tipologie di esche artificiali per l’acqua dolce

Fra le esche artificiali per l’acqua dolce il “rubber jig” è molto utilizzata ed è un’esca costituita da una testina piombata antialga con amo, l’amo è nascosto da filamenti in gomma.

Questo artificiale si recupera dopo che ha toccato il fondale, si fa “trainare” sul fondo in modo da smuoverlo e attirare i predatori, si fa balzellare con piccole jerkate della canna e lenti recuperi. Stop and go continui.

esca artificiale acqua dolce rubber jig

Flat Back Jig 38 di Deps

Lo “spinnerbait” è un’esca artificiale per l’acqua dolce composta da un rubber jig e una o due palette metalliche che simulano un branco di pesciolini. Questa esca artificiale per acqua dolce fa parte delle esche cosidette “wire bait” per la presenza del filo metallico che unisce i cucchiaini all’esca.

Si usa in zone difficili dove sono presenti erbai e ostacoli sommersi perchè lo spinnerbait difficilmente si incaglia. Si recupera come il rubber jig.

esca artificiale acqua dolce spinnerbait
Spinnerbait

Il “buzzbait” è un’esca “rumorosa” nel senso che è composta da un rubber jig e un elica posta nella parte anteriore. Durante il recupero a pelo d’acqua l’elica gira e crea un rumore tipo “ronzio” (da qui il termine “buzz”) e anche molte turbolenze richiamando i predatori anche da lunga distanza.

esca artificiale acqua dolce buzzbait
Buzzbait

La “chatterbait” è un’altra tipologia di wire bait simile allo spinnerbait in quanto produce vibrazioni grazie alla paletta metallica posta nella parte anteriore. Anche questa esca è una rubber jig con la caratteristica di avere questa paletta metallica in testa. Non è però antialga, non è quindi utilizzabile come lo spinnerbait in zone particolarmente difficili.

esca artificiale acqua dolce chatterbait
Chatterbait

Il “crankbait” è un ‘esca artificiale che fa parte delle hardbaits e presenta una paletta anteriore pronunciata. Si usa sul fondo, la paletta è anti incaglio, toccando il fondo evita che l’amo si incagli agli ostacoli, per quanto possibile.

Può essere floating o suspending, cioè galleggiante o in sospensione. Ciò significa che arrestando il recupero, se è floating tende a tornare in superficie, al contrario se è suspending tende ad affondare.

L’azione suspending gli è conferita dal “rattling”, cioè piccole sfere all’interno dell’esca in materiale metallico che producono vibrazioni e aiutano il lancio. Si usa con diversi recuperi, in verticale dalla barca, o dalla riva recuperandolo a canna alta come un jig.

esca artificiale acqua dolce crankbait
Crankbait

Siamo ora al “frogbait“, una mitica esca artificiale d’acqua dolce che può essere una hardbaits o anche una softbaits. Ha la forma della rana ovviamente, la versione più conosciuta ed utilizzata è la “walking frog“, l’esca cioè che si usa facendola saltare da una foglia galleggiante ad un’altra con acqua molto calma.

esca artificiale acqua dolce walking frog
Walking frogbait

Esiste poi la versione “popper frog“, una rana con la testa tagliata come un popper, ideale in presenza di vegetazione sparsa, da far nuotare da una foglia all’altra creando turbolenze che attirano i predatori (bass e lucci).

esca artificiale acqua dolce popper frog
Frogbait

Una terza versione di frogbait è la “rana con le zampette“, la più realistica, la più versatile, una vera e propria rana! La caratteristica principale è quella di avere le zampette intercambiabili con skirt o senza, in modo da avere varie azioni di nuoto.

Si usa sulla fitta vegetazione, il peso delle zampette e il profilo della testa gli permettono di bucare la vegetazione per tuffarsi in acqua attirando i predatori. Anche in acqua libera, con recupero lineare e piccoli strattoni con la canna, nuota muovendo le zampette come una vera rana, il video dice tutto!

esca artificiale acqua dolce frogbait
Rana con zampette di Molix

Parliamo ora della “metal vibration“, un’esca artificiale hardbaits sinking che produce molte vibrazioni. Si usa sia da riva che dalla barca in verticale. Grazie alla presenza di vari fori sul dorso, può essere agganciato al trecciato in vari punti diversi modificando la postura e il nuoto dell’artificiale.

esca artificiale acqua dolce metal vibration
Metal Vibration

I “rotanti” sono le classiche tipologie di esche artificiali per l’acqua dolce, tanto care alla trote e non solo. Sono testine piombate dotate di paletta e amo che girano non appena inizia il recupero lineare.

esca artificiale acqua dolce rotanti
Rotante

I “propeller” sono esche artificiali hardbaits, simili ai lipless ma con un’elica in testa e in coda. Al recupero lineare le eliche creano turbolenze che attirano i predatori.

esca artificiale acqua dolce propeller
Propeller

Infine chiudo questa rassegna parlando delle “swimbait“, esche che possono essere hardbaits o softbait o anche un misto delle due categorie. Ciò significa che la parte dell’esca vicina alla coda è costituita da materiale morbido, mentre la parte anteriore da resine dure, legno o plastica. In genere sono esche voluminose e pesanti dotate di un proprio movimento ondulatorio, da recuperare lentamente.

esca artificiale acqua dolce swimbait

Per trovare ogni tipologia di questi artificiali potete usare la ricerca avanzata di Fishop, vi basterà selezionare la tecnica di pesca che utilizza gli artificiali come “spinning” o “casting”, “traina” o “light o vertical jigging” etc, la tipologia “artificiali”, l’ambiente “laghi/fiumi” e nella sotto tipologia ci metterete una di quelle viste nell’articolo, ad esempio “swimbait”.

ricerca avanzata Fishop

Buone ricerche dal team Fishop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *