Come pescare a Jigging dalla Barca

Come pescare a Jigging dalla Barca

Pescare dalla barca consente l’utilizzo di svariate tecniche di pesca, incluse quelle che prevedono l’uso delle esche artificiali. Non solo Spinning però, vediamo in questo articolo come pescare a Jigging dalla barca per prenderci grandi soddisfazioni.

Il Jigging, di derivazione nipponica, si suddivide in 3 sotto tecniche che si differenziano dal fondale su cui si va a pescare, dall’attrezzatura utilizzata e dal tipo di esche artificiali.

1. Il Vertical Jigging

E’ il Jigging praticato su fondali che variano dai 30 ai 100 m di profondità e si usano esche artificiali metalliche fino a 300 grammi di peso.

E’ la tecnica con cui si vanno ad insidiare predatori di taglia in caccia sui fondali rocciosi. L’emozione di allamare un dentice, una ricciola, un praio o una cernia è indescrivibile!

L’attrezzatura per pescare a Vertical Jigging deve essere commisurata a questo tipo di pesca.

La canna sarà corta e con il manico lungo, specificatamente studiata per l’uso con questa tecnica, adatta ad essere utilizzata con cintura da combattimento con canna posizionata nella crociera in modo da effettuare un’ azione di long jerking.

Vertical Jigging - canna Sagami Bay 180
Tubertini Sagami Bay 180

L’azione di long jerking prevede un ampio pompaggio con la canna e recupero successivo della lenza con il mulinello fino a due o tre giri di manovella.

La canna può anche essere posizionata sotto l’ascella, per poter effettuare un’azione di short jerking, cioè rapidi recuperi molto corti alternando l’azione della canna con un giro di manovella del mulinello.

Il Vertical Jigging andrebbe praticato con canna specifica, progettata e realizzata soltanto per questa tecnica. Una canna inadatta, magari presa dalla traina, dal bolentino, dal drifting o dallo spinning, renderebbe la nostra azione estremamente faticosa e del tutto inefficace.

Il mulinello per pescare a Vertical Jigging deve avere un recupero veloce, una bobina di buona capacità, una frizione dall’elevato max drag e rare doti di robustezza.

I mulinelli che hanno queste caratteristiche sono tutti di ottima qualità e di conseguenza hanno un costo decisamente elevato, come misura sarà almeno un 8000 o un 10000.

Mulinello da Vertical Jigging 10000 - Shimano Spheros
Spheros SW 10000

In bobina caricheremo dell’ottimo trecciato da 50 o 65 libbre, poi 7-8 metri di nylon o fluorocarbon di pari libbraggio come shock leader.

Alla fine dello shock leader legheremo un solid ring (anellino) di grande tenuta o una girella di misura adeguata e di grande qualità. Fisseremo all’anellino o alla girella con un semplice nodo a bocca di lupo uno o due assist hook ed il jig scelto, tramite un robusto split ring (anellino spezzato).

Come pescare a Jigging - assist hook

Qui potete vedere un video sulla costruzione degli assist hook, quella cordicella in kevlar che vedete in foto a cui è legato l’amo:

Come pescare a Jigging - jig con doppio assist hook
Short jig con doppio assist hook

Le esche artificiali per pescare a Vertical Jigging saranno dei metal jig. Long jig e short jig, l’esperienza ci insegna che in alcuni casi hanno successo i long, in altri gli short, insomma è buona cosa averli entrambi e di colori diversi.

Long jig

Il peso varia dai 100 ai 300 grammi, secondo la profondità e la velocità di scarroccio.

Dentice a vertical jigging
Dentice a Vertical Jigging

2. Il Light Jigging

Non avendo a disposizione un’imbarcazione capace di raggiungere in sicurezza i grandi fondali del Vertical Jigging, possiamo sempre spostarci sul Light Jigging.

L’azione di pesca è sempre la stessa, pure le emozioni sono le stesse anche se ridimensionate alla taglia più ridotta delle prede. Questa tecnica infatti permette la cattura di pesci pelagici azzurri come tonnetti alletterati, lampughe, palamite, tanute, tracine e fragolini per continuare con stelle, sugarelli e lanzardi. 

Light Jigging alle lampughe
Lampuga a Light Tackles by Vincenzo Muscolo

Anche l’attrezzatura sarà ridimensionata, quindi più leggera e non per forza specifica per questa tecnica.

Come pescare a Jigging - canna da Inchiku e Kabura Sabel Dance II K Series
Canna da Inchiku e Kabura

Vanno benissimo infatti anche le canne da Spinning, magari di media potenza, capaci di gestire artificiali fino a 60/70 grammi di peso, piccoli jig armati con ancoretta in coda.

Light Jigging - jig con ancoretta in coda Zetz Smelt Daz 60

I mulinelli saranno anch’essi in prestito dallo Spinning, della misura 4000 armati con trecciato da 20 libbre e fino a 30 libbre nel caso siano frequenti le gradite sorprese di pesci un pò più grandicelli. Shock leader corto, anche un metro, di nylon o fluorocarbon di pari libbraggio.

Questa attrezzatura ci permetterà di affrontare sia i piccoli predatori come le stelle che le potenti lampughe.

Mulinello da Spinning e Light Jigging - Shimano Nasci FB 4000

L’azione di pesca a Light e Vertical Jigging

Sia che si tratti di Vertical Jigging ai grandi predatori dei fondali rocciosi, sia che invece ci stiamo cimentando nel più tranquillo Light Jigging vicino alla costa, il Jigging non è una pesca per coloro che amano l’attesa e la siesta, col campanellino sul cimino della canna.

Il Jigging è una tecnica di pesca dinamica, di ricerca, di continui recuperi degli artificiali, insomma è una tecnica che mette a dura prova la tua forma fisica e la tua resistenza.

Se poi ci metti che l’esca da sola può arrivare a pesare anche 300 grammi e devi recuperarla tante volte, il divertimento è assicurato!

E quando dico “divertimento” non scherzo, perchè il Jigging sarà anche una tecnica di pesca faticosa, ma quando ti capita di avere all’amo un dentice o una ricciola, ma anche un tonnetto o una lampuga, inizia il vero divertimento!

Ma iniziamo dal principio. Siamo in barca e raggiungiamo una posizione idonea a lasciar andare sul fondo il nostro jig, almeno così ci suggerisce l’ecoscandaglio.

Apriamo l’archetto del mulinello e l’artificiale inizia ad andare giù come una foglia morta che cade dall’albero in autunno, ma più velocemente.

Ad un certo punto tocca il fondale, chiudiamo l’archetto velocemente e diamo una energica jerkata verso l’alto con recupero del mulinello. Se davvero in zona c’è qualche predatore, questo è il momento in cui è più probabile l’attacco.

Continuiamo a dare lunghe jerkate e recuperi col mulinello, l’azione di pesca deve essere veloce finché vediamo l’artificiale avvicinarsi di nuovo alla barca, a quel punto riapriamo l’archetto per farlo tornare sul fondo.

Le jerkate con la canna possono essere lunghe o corte, in genere dipende dal tipo di jig che stiamo utilizzando, se long o short.

Non appena sentiamo la toccata del predatore ferriamo in modo energico verso l’alto, anche due o tre volte per essere sicuri che l’amo abbia fatto presa nella bocca del predatore. Da qui forza e coraggio e metticela tutta!

3. Inchiku e Kabura

Queste due sotto tecniche della pesca a Jigging sono meno frenetiche del Vertical Jigging e anche del Light Jigging, in quanto è diversa la gestione delle specifiche esche artificiali.

Inchiku

L’inchiku è un jig a cui viene attaccato un polipetto in gomma che nasconde due assist hook fra i suoi tentacoli:

Come pescare a Inchiku jigging - Kiku 160
Inchiku di Molix

Per quanto riguarda l’attrezzatura, la canna sarà lunga intorno ai 2 metri, potente e sensibile. Usa le ricerche di Fishop per avere una serie di canne fra cui scegliere e acquistare al prezzo più basso.

Il mulinello partirà dalla misura 4000 in su, secondo le prede da insidiare, caricato con trecciato del diametro dallo 0.20 allo 0.235 mm e con spezzone di nylon o fluorocarbon dallo 0.30/0.35 mm per acque basse e trasparenti  fino a 0.65 mm se si va a cercare qualcosa di importante.

L’azione di pesca con l’Inchiku è simile al Light Jigging, ma il recupero è lento, le jerkate devono essere fatte in long molto lente, alternate a pause e piccoli scatti mirati ad animare l’esca.

Anche per questa tecnica, il momento dello stacco dal fondo si rivela un momento decisivo, nonostante molti attacchi  si avranno anche parecchi metri dal fondo durante la sua ascesa. Di fondamentale importanza è agire il più possibile sulla verticale.

Kabura

Il Kabura è un jig con gonnellino in gomma che imita un polpo o un calamaro:

Come pescare a Kabura jigging - Molix Thasis 180
Kabura a forma di calamaro, di Molix
Come pescare a Kabura jigging - Salti Rubber di Duel
Kabura a forma di polpo, di Duel

La canna sarà anche questa morbida ma sensibile e potente. E’ possibile utilizzare anche canne da bolentino, servirà per provare questa tecnica di pesca e passare poi a canne dedicate, anche per queste Fishop ti darà una mano.

Il mulinello sarà un rotante tipo quelli che si usano per il Casting, oppure un fisso della misura 4000. Li caricheremo con un trecciato sottile intorno allo 0.10 mm di spessore e 4 o 5 metri di nylon o fluorocarbon come shock leader dello 0.25/0.37 mm.

L’azione di pesca con il Kabura prevede vari metodi, il classico è un recupero lento del jig ritmato con colpetti con la canna in modo da animarlo. Ma potete sbizzarrirvi in recuperi con stop&go, con lunghe jerkate o molto corte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *